“Black room è un’esperienza senza interferenze. La stanza buia è lo strumento e la fine di quello che rimane. I confronti, inevitabili nascono in un secondo momento, solo dopo essere usciti ed aver vissuto, singolarmente, la propria esperienza con l’opera”. – l’autore-